Tu mejor tù

Tu mejor tù (tradotto “il tuo migliore tu”) è primo lavoro fotografico italiano che coinvolge uomini, donne e coppie che hanno scelto di vivere senza avere figli.
Il progetto rimane aperto, chiunque fosse interessato a partecipare facendosi fotografare mi scriva a ilariacphotography@gmail.com.
(Le immagini non sono in vendita).

___

 

Capii molto presto quali erano i ruoli che mi spettavano.
Un’idea ricorrente che osservavo, era che non solo ci si aspetta che le donne e gli uomini abbiano figli, ci si aspetta che “li vogliano”.

Questo era presente ovunque. Era presente nel modo in cui gli adulti mi parlavano quando mi facevano domande legate al “quando”. ”Quando ti sposerai…” “Quando avrai dei figli…” . E queste riflessioni sul futuro mi venivano sempre presentate come parte del “sogno americano”, ma mi è sempre sembrato il sogno di qualcun altro.
E da bambina, quando cercavo di spiegare questo… questa differenza tra i loro ruoli e i miei valori, si mettevano spesso a ridere come fanno gli adulti davanti alle assurdità dei bambini. E mi volevano dire chiaramente: “Cambierai idea”.

Ci sono infiniti motivi per cui una donna o un uomo potrebbero scegliere di non avere figli.
E la maggior parte non include il pensare solo a se stessi.
Credo che il valore di una persona non dovrebbe mai essere determinato dal suo essere madre o padre, perché questo la spoglia della sua totale identità come adulto in sé.
È facile dimenticare che i ruoli che la società ci impone sono molto più che meri titoli. Cosa ne è del peso che li accompagna, della pressione di doversi conformare a questi criteri, della paura che si prova mettendoli in discussione e dei desideri che mettiamo da parte per accettarli?
Ci sono diverse vie che portano alla felicità e alla soddisfazione.
E ognuna di esse è lastricata con il diritto all’autodeterminazione.
La scelta di abbracciare o rinunciare alla maternità o alla paternità non è in alcun modo legata al vostro valore o alla vostra identità come sposi, come adulti o come donne e uomini, e c’è assolutamente una scelta dietro la maternità o paternità.
Ed è vostra.
E vostra soltanto.

(tratto dal discorso di Christen Reighter)

 

___

 

I recognized the roles that were placed on me very early.
One persistent concept that I observed — existing in our language, in our media — was that women are not only supposed to have children, they are supposed to want to.
This existed everywhere. It existed in the ways that adults spoke to me when they posed questions in the context of “when.” “When you get married …” “When you have kids …” And these future musings were always presented to me like part of this American dream, but it always felt to me like someone else’s dream.

You see, a value that I have always understood about myself was that I never wanted children. And as a kid, when I would try to explain this, this disconnect between their roles and my values, they often laughed in the way that adults do at the absurdities of children. And they would tell me knowingly, “You’ll change your mind.”
And people have been saying things like that to me my whole life.
Otherwise polite conversation can turn intrusive fast. “Does your husband know?” “Do your parents know?” “Don’t you want a family?” “Don’t you want to leave anything behind?” And the primary buzzword when discussing childlessness, “That’s selfish.”

There are countless reasons a woman may have for choosing to abstain from motherhood, the majority of them not self-prioritizing. 
It’s so easy to forget the roles that society places on us are so much more than mere titles.
What about the weight that comes with them, the pressure to conform to these standards … the fear associated with questioning them, and the desires that we cast aside to accept them?
There are many paths to happiness and fulfillment.
They all look very different, but I believe that every one is paved with the right to self-determination.

I want women to know that your choice to embrace or forego motherhood is not in any way tied to your worthiness or identity as spouses, as adults, or as women … and there absolutely is a choice behind maternity.
And it is yours and yours alone.

(from Christen Reighter speech)

___

 

nelle foto (in ordine sparso):

  • Paola e Marco (Pavia)
  • Giulia (Legnano)
  • Antonio (Voghera)
  • Marzia e Vittorio (Padova)
  • Cesare (Pavia)
  • Viviana (Milano)
  • Ilaria e Massimiliano (Torino)
  • Cinzia (Pavia)
  • Alessandra (Parma)
  • Massimiliano (Rimini)
  • Andrea, Ilaria e Andrea (Genova)
  • Pina (Torino)
  • Paola e Gianluca (Verbania)
  • Max (Rivanazzano)
  • Andrea (Novi Ligure)
  • Rosanna e Alessandro (Pavia)
  • Annamaria (Bergamo)
  • Marica (Verona)