La città nascosta

Le foto sono state scattate nell’arco di circa tre ore.

La mia città in un afoso giorno di metà agosto. Vinco l’avversione per l’umida cappa di caldo delle estati pavesi a cui non mi abituerò mai e a mezzogiorno esco a fotografare. A poco a poco il corpo si adatta alla temperatura esterna e dimentico il cupo senso di oppressione che uscire in queste ore costantemente mi provoca. Il piacere degli spazi aperti, il gusto di muovermi nelle vie finalmente deserte e la sensazione dell’essere in contatto con la mia città prendono il sopravvento.

 

___

 

The hidden city

My city on a sultry mid-August day.
I win the aversion for the humid heat of Pavia summers I will never get used with, and at noon I go out with my camera.
Gradually my body adapts to the outside temperature and I forget the dark sense of oppression that going out at this time constantly provokes me.
The pleasure of open spaces, the taste of moving in the finally deserted streets and the feeling of being in touch with my city take over.